Centro Integrato Servizi Donne Straniere


Michela Andreucci

Tel. 0587 58304 

centrointegratoservizi@gmail.com


Si tratta di un servizio socio-educativo rivolto alle donne immigrate e alle famiglie presso cui queste donne svolgono lavoro di cura. Nell’ambito degli interventi volti alla promozione della salute e dei diritti, il Centro si propone come un spazio polivalente di incontro, socializzazione, ascolto e approfondimento dei bisogni e delle domande relative all’ambito dell’assistenza domiciliare.

In particolare :

Il Centro Integrato è rivolto:

alle donne straniere già impiegate o in cerca di un impiego presso le famiglie come assistenti domiciliari agli anziani o agli ammalati

alle famiglie interessate alla assistenza domiciliare.

Il Centro Integrato ha una sede propria a Pontedera, nel quartiere Stazione, in locali a piano terra posti in via Brigate Partigiane n.19/21. I locali ospitano le attività di sportello, di back office, di incontro, di iniziativa socio-culturale.

L’accesso è libero.

E’ un obiettivo del servizio promuovere e consolidare la partecipazione diretta delle utenti al servizio e l’auto organizzazione di attività.

A partire da luglio 2013 le donne che frequentano regolarmente il centro si sono organizzare per aprire in autogestione il giovedì mattina dalle 10:00 alle 13:00 e la domenica dalle 10:00 alle 16:00.

Attraverso l'autogestione del centro le donne hanno contribuito ad ampliare la fascia oraria del servizio.

Il servizio è finanziato dall'Unione Valdera tramite convenzione con la cooperativa sociale Arnera.

Il Centro Integrato è aperto tre giorni alla settimana il giovedì dalle 10.00 alle 19.00 e il sabato dalle 10.00 alle 18.00 e la domenica dalle 11.00 alle 18.00. L’esperienza dell’autogestione nell’anno 2014 ha permesso di ampliare l’orario di apertura del Centro alle donne

Il centro Integrato intende contribuire ai processi di integrazione all’interno della comunità, a partire dall’individuazione di bisogni di salute e strutturando servizi di ricerca, informazione, orientamento e programmi culturali e di socializzazione.

In particolare gli obiettivi della sperimentazione sono:

strutturare il Centro come agenzia di servizi sui temi del lavoro di cura domiciliare: ricerca sociale sull’assistenza domiciliare, orientamento e consulenza, informazione sulle normative, i diritti e doveri, le risorse del territorio

offrire la sede del Centro luogo di incontro informale tra le donne straniere e con le educatrici

avviare un primo programma culturale e di socializzazione, sollecitando la partecipazione diretta delle donne e l’auto-organizzazione.

 

Il centro integrato servizi per donne straniere e famiglie aperto dal 2009 si connota come un servizio socio-educativo rivolto alle donne immigrate e alle famiglie presso cui queste donne svolgono/potrebbero svolgere lavoro di cura. Nell’ambito degli interventi volti alla promozione della salute e dei diritti, il Centro si propone come un spazio polivalente di incontro, socializzazione, ascolto e approfondimento dei bisogni e delle domande relative all’ambito dell’assistenza domiciliare.

Principi fondamentali che orientano la gestione del servizio

  • La centralità dell’utente come elemento fondante per orientare la definizione di tutti gli aspetti del servizio

  • il diritto delle/degli utenti alla non discriminazione, praticando principi di eguaglianza e imparzialità

  • la continuità del servizio e l’adeguatezza di professionalità e competenze dell’équipe educativa

  • la comunicazione con le/gli utenti attraverso informazioni chiare, puntuali, facilmente accessibili, cura dell’accoglienza, trasparenza nella gestione dei servizi e nella definizione delle responsabilità, regolamentazione chiara dell’utilizzo del servizio

  • la cooperazione con i soggetti del territorio e l’approccio comunitario di analisi delle situazioni, di fronteggiamento dei problemi e di utilizzo delle risorse.

Raccolta Foto