Comunità Terapeutica La Badia

Coordinatrice del Servizio: Sabrina Novelli

Tel.: 058757009/3487703520

labadia@arnera.org

Via della Badia n.42 loc. Pardossi – Pontedera (Pisa)

La Comunità Terapeutica “La Badia” è un centro specialistico per dipendenti da sostanze dell’ex Azienda USL 5 di Pisa. Il programma educativo assistenziale ed i servizi alberghieri sono gestiti dalla Cooperativa Sociale “Arnèra”.

Il Servizio è rivolto a persone di entrambi i sessi, di norma maggiorenni, con abuso/dipendenza da sostanze, alcol incluso, che necessitino di interventi multidisciplinari, a carattere diagnostico e terapeutico, erogabili più facilmente in ambito residenziale.

E’ un centro polifunzionale che ospita 30 persone di entrambi i sessi e che offre tre tipologie di servizi specialistici, definite dalle vigenti norme generali (Delibera GRT n. 513/2019):

Percorso residenziale di osservazione, diagnosi ed orientamento (ha una durata di norma non superiore a 3 mesi, eventualmente prorogabili);

Percorso residenziale per persone con disturbo da uso di sostanze con patologie psichiatriche (ha una durata di norma non superiore a 18 mesi, eventualmente prorogabili);

Percorso residenziale per donne in gravidanza e/o puerperio (ha una durata di norma non superiore a 18 mesi, eventualmente prorogabili).

La struttura, di recente costruzione, dispone di camere doppie con bagno, di locali per le attività del tempo libero (sala ricreativa, sala TV, palestra attrezzata), di spazi per le attività psicoterapeutiche, ergoterapiche e laboratoriali (pelletteria, ciclo-officina, falegnameria, orti e serre).

Il Servizio è aperto 365 giorni l’anno, 24h al giorno.

L’accesso può essere richiesto esclusivamente dal Ser.D. di appartenenza del paziente ed è autorizzato dal Coordinatore della struttura.

La Comunità Terapeutica “La Badia” assicura continuità di cura e di assistenza in un ambiente “protetto”; favorisce l’inquadramento e/o l’approfondimento diagnostico, la predisposizione e l’attuazione di piani di trattamento finalizzati alla remissione delle patologie da uso di sostanze ed un costante monitoraggio delle condizioni psicofisiche dei pazienti; sostiene i piani di trattamento con interventi mirati ad un complessivo miglioramento della qualità della vita dell’utenza; valorizza e/o favorisce l’acquisizione di abilità lavorative dell’utenza ai fini del reinserimento lavorativo e sociale.