DEMETRA - Agricoltura Sociale in Toscana

Un progetto contro lo sfruttamento lavorativo e per la promozione delle condizioni di regolarità lavorativa in agricoltura in Toscana

Il progetto DEMETRA intende sviluppare un’azione di sistema regionale che prenda spunto dal lavoro fatto fino ad oggi sul tema dell’orientamento al lavoro, del supporto alle categorie fragili, dello sviluppo delle azioni di Agricoltura Sociale sviluppate sui Bandi POR – FSE, Bandi antitratta del DPO e da specifiche azioni territoriali.

L’obiettivo di DEMETRA è contrastare il verificarsi delle condizioni che conducono allo sfruttamento in agricoltura e promuovere condizioni di regolarità lavorativa.

Demetra in breve

Prevede un’indagine approfondita del fenomeno partendo dalla raccolta e catalogazione di dati disponibili presso le competenti autorità giudiziarie, per la definizione di un quadro giuridico e penale su caporalato e sfruttamento. A questo saranno affiancati i dati forniti dalle attività di prossimità svolta dalle Unità di strada come la mappatura, la geolocalizzazione e la definizione dei comparti produttivi coinvolti. Ulteriori informazioni sul fenomeno saranno raccolte attraverso l’analisi delle pubblicazioni su media, interviste anonime ai lavoratori e la promozione di focus group con enti e associazioni di categoria

Saranno promosse azioni tese a prevenire e contrastare il fenomeno dello sfruttamento, favorire educazione e il rispetto del lavoro tramite attività di monitoraggio e contatto/aggancio delle potenziali vittime da parte delle Unità di strada.

Le Unità mobili, in qualità di presidio di legalità, potranno anche fornire tutela legale, supporto economico e informazioni sui diritti del lavoratore per l’educazione alla prevenzione e distribuendo gratuitamente dei dispositivi per la sicurezza sul luogo di lavoro.

Questa attività riguarda l’attivazione di percorsi di orientamento ed avviamento al lavoro attraverso la metodologia del job experiences e del learning by doing il cui obiettivo sarà di favorire l’apprendimento “facendo e di apprendere per comprendere e per essere compresi”.

In questo contesto sarà fondamentale il ruolo del tutor educatore il cui compito sarà di fornire il supporto educativo all’utente, agevolando la sua socializzazione in azienda.

L’attività di formazione comprende anche la promozione in aula dei corsi HACCP e di sicurezza sul lavoro.

Il progetto prevede l’organizzazione di un percorso formativo universitario e di un corso di alta formazione, finalizzati alla creazione di un pool di avvocati specializzati nel contrasto al caporalato.

DEMETRA intende anche stimolare e favorire l’auto imprenditorialità dei lavoratori, facilitando la costituzione di cooperative in grado di occuparsi di lavori agricoli in modo legale e riconoscibile o di recuperare attività in abbandono riconvertendole in attività produttive.

Le fasi del progetto

Il progetto prevede la definizione e valorizzazione del circuito delle aziende agricole interessate ad essere coinvolte nel settore dell’agricoltura sociale e disponibili ad accogliere soggetti fragili.

In una prima fase è prevista l’analisi economica dell’azienda, dei suoi fabbisogni, del clima interno e delle relazioni esterne. Successivamente sarà verificata la disponibilità all’accoglienza, la definizione degli indirizzi produttivi, le tipologie di attività e della manodopera specializzata necessaria.

Prevede la creazione di un pool di consulenti che garantiscano la predisposizione e la definizione di tutte le procedure necessarie alla redazione del DVR aziendale (Documento Valutazione Rischi) anche per quelle aziende agricole esenti per legge.

La regolarizzazione delle aziende agricole e la formazione dei propri dipendenti permetterà di poter beneficiare di incentivi economici e di sostegno nelle fasi di maggior criticità produttiva tramite l’attivazione di tirocini, borse lavoro e alternanza scuola lavoro.

l percorso di inserimento in azienda sarà coadiuvato e monitorato anche da un tutor aziendale che in coordinazione con il tutor educativo potrà garantire un supporto formativo e tecnico-operativo sviluppando e monitorando i percorsi di apprendimento personalizzati per i soggetti.

La funzione del tutor sarà determinante anche nei confronti dell’azienda per il sostegno che potrà fornire nella gestione degli inserimenti lavorativi, delle dinamiche di apprendimento e nelle valutazione sulle effettive competenze acquisite.

Un ulteriore obiettivo del progetto è di rafforzare il rapporto tra filiera agroindustriale, grande distribuzione e consumatore finale per sensibilizzare e potenziare la conoscenza ed il mercato dei prodotti di filiera corta ad alto valore sociale, promuovendo la nascita di un marchio di tracciabilità etica.

Il progetto intende anche incentivare un percorso sinergico che metta in rete tutte le aziende agricole impegnate in progetti di rilevanza sociale offrendosi come piattaforma di consultazione per i policy maker locali e regionali nello sviluppo di politiche di promozione di buone prassi agricolo/sociale.

News da Demetra

Spunti e spuntini: caporalato e sfruttamento in agricoltura in Toscana.

Un servizio del Tg3 Toscana sulla presentazione del Progetto Demetra, di cui Arnera è partner

Le strategie per il reinserimento.

Giovedì 13 ottobre alle ore 10.00

Sala dei Duecento – Palazzo Vecchio – Firenze


Demetra è un progetto di:

Distretto Sociosanitario - Zona Versilia; Satis - Sistema Anti Tratta Toscano; Provincia di Siena; UniSi - Laboratorio delle disuguaglianze, Dipartimento di Scienze Sociali, Politiche e Cognitive; Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa - Alta formazione per operatori legali; ASGI (Associazione Studi Giuridici Immigrazione) - Clinica Legale; Cooperativa Sociale CAT; Associazione DOG; CEIS Lucca; Cooperativa Sociale Sarah; Arci Siena; Cooperativa Sociale Arcobaleno; Diocesi di Pistoia

Il progetto DEMETRA è finanziato con le risorse del Fondo Asilo, Migrazione e Integrazione 2014-2020 – OS2 Integrazione/Migrazione legale – ON2 Integrazione e con le risorse del Fondo Sociale Europeo, Programma Operativo Nazionale “Inclusione” 2014-2020, Asse 3 – Priorità di Investimento 9i - Obiettivo Specifico 9.2.3., Sotto Azione III - Prevenzione e contrasto del lavoro irregolare e dello sfruttamento nel settore agricolo.